INTRO | Rassegna Stampa | Gallerie | PEC | FAQ | Moduli e Servizi | Contatti | Email | Area Riservata 
FONDAZIONE iMe ISTITUTO MEDITERRANEO DI EMATOLOGIA

'Un ematologo a servizio del mondo', intervista a Javid Gaziev, Responsabile Clinico, Fondazione IME



Internazionale come l'IME "Proprio come l'IME, rappresento il risultato dell'unione di vari contesti e culture e quindi aperto al mondo. Sono nato in Azerbaijan da madre russa e padre originario del Dagestan. Qui ci sono arrivato nel 1991 da Mosca, dove lavoravo presso l'Istituto Nazionale di Ematologia, per uno stage sui trapianti, grazie a una borsa di studio. Poi, dopo l'incontro col Professor Lucarelli a Pesaro, ho deciso che l'Italia e il lavoro di ematologo, sarebbero stati la mia nuova e definitiva condizione. Qui sono cresciuti i miei figli e qui ho realizzato il mio sogno.

L'eccellenza nei trapianti Nel corso del G8 del 2001 fu richiesto all'Italia di inaugurare una scuola internazionale per trapianti. Con il Professor Lucarelli lavoravamo a Pesaro dove non potevamo disporre di spazi e risorse sufficienti. Quindi, nel 2003, con un piccolo gruppo ci trasferimmo a Roma, inizialmente all'Ospedale San Camillo, dove avevamo creato un reparto di trapianti per talassemia e anemia falciforme, e poi al Policlinico Tor Vergata.

Da quel momento in poi abbiamo potuto disporre di un reparto con 22 posti letto e svolto trapianti in gran parte su minori affetti da talassemia e anemia falciforme. Sono passati da noi bambini provenienti da oltre 30Paesi del mondo e abbiamo realizzato oltre 300 trapianti con unapercentuale di guarigione superiore al 90%: siamo forse l'unica struttura al mondo a poter vantare così grandi numeri in queste malattie.

Un successo tutto italiano Ma l'IME non esegue solo trapianti, offre formazione e trasferimento di know-how all'estero, specie nei Paesi da cui provengono i nostri pazienti. Negli ultimi anni siamo riusciti adelevare il livello di trapianto e perfezionato i protocolli fino a diventare un punto di riferimento mondiale nei diversi settori scientifici di cui ci occupiamo. Riceviamo richieste da tutto il mondo, anche dagli Stati Uniti d'America.

La Talassemia, fino a poco tempo fa, era una patologia negletta, molto poco conosciuta in occidente perché non comune. In realtà, questa malattia provoca 100mila morti all'anno per mancanza di terapie o impossibilità di trapianti.Al momento qui da noi ci sono 6 piccoli pazienti e 2 adulti. Provengono da Pakistan, Cipro, Kuwait, Azerbaijan, Afghanistan, Nigeria.

Il nuovo corso Ora che siamo giunti a questo punto, ritengo molto positivo poter allargare gli orizzonti dell'azione dell'IME e occuparci di altre patologie. Grazie alle risorse, l'esperienza consolidata di missioni in aree di crisi, la capacità di accoglienza di pazienti e colleghi, possiamo operare su nuovi fronti e essere più utili al mondo, particolarmente a quella parte del mondo oppresso da guerre, povertà e crisi economiche.


Iscriviti alla nostra newsletterCliccando sul tasto ISCRIVITI, autorizzi la Fondazione I.M.E. - Istituto Mediterraneo di Ematologia al trattamento dei tuoi dati personali e all'invio di materiale pubblicitario e/o informativo all'indirizzo di posta indicato, dichiarando di esserne il titolare.
Ti informiamo che i tuoi dati saranno trattati secondo il decreto legislativo 196 del 30 giugno 2003 e successive modifiche. Il responsabile del trattamento è Fondazione I.M.E. In qualsiasi momento potrai richiedere la cancellazione del tuo indirizzo dalla newsletter, previa comunicazione email all'indirizzo email: p.boriani@fondazioneime.org.
Inserisci la tua email e ti aggiorneremo sui nostri eventi.
  
Sede Legale: C.so Vittorio Emanuele II, 142 - 00186 - Roma
Tel. + 39 06 42049170 | Fax. + 39 06 42049179 | Email: ime@fondazioneime.org
Presidio Ospedaliero Policlinico Tor Vergata: Viale Oxford, 81 - 00133 -
Tel. + 39 06 20661300 | Fax. + 39 06 20661302